lunedì 17 marzo 2008

Ricciola e sorrisi



Cambiamo il menu, e due o tre piatti tra i nuovi non lo sono a dire il vero, nel senso che sono rivisitazioni di piatti già fatti, un pò perchè sotto tanti aspetti l'ansia da prestazione del giovane cuoco si sta affievolendo lasciando spazio a molte altre idee e pensieri. L'arrivo di Tommaso è stato un ciclone, la gioia che mi da guardare questo pargolo mi spiazza. Penso molto al cibo ma in modo più concreto. Forse è che si avvera quel che diceva sempre nonna. "Con il tempo maturano anche le zucche!"


Poi ditemi se con un sorriso così uno non a un pò in pappa.

Tartare di ricciola con tamarillo mandorle e shot al latte di mandorla

Ingredienti per 4 persone

300 gr di filetto di ricciola tagliata a dadini
1 tamarillo tagliato a fettine sottili (tagliandolo a dadini darebbe colore al pesce)
2 mandorle appena tritate
100 ml latte di mandola
evo
sale di maldon
germogli di senape

Condire la ricciola on olio sale e limone. intramezzare la stessa alle fettine di tamarillo. Finire con i germogli e servire con uno shot di latte di mandorla

4 commenti:

loste ha detto...

Quei sorrisi ti mandano lungo, ti senti pieno di gioia, di paure, di apprenzione, ma felice di avere per casa il tuo futuro che chiacchiera.

Aveva ragione tua nonna....

Un abbraccio a tutti, Marco

astrofiammante ha detto...

complimenti a quel sorriso che seppur sdentato, risulta tanto tenero da sciogliere il cuore a me, immaginiamo all'orgoglioso papà!!!!!!!!
P.S. cosa sono il tamarillo e lo shot? ciao e ancora complimentoni + un baciotto al cucciolo.

Anonimo ha detto...

allora è una prerogativa dei tommasi essere così belli e sorridenti...
mamma di tommaso

comidademama ha detto...

nini!
ecco, inizio a pigolare, scusate, ma quanto è tenero questo pulcino?
La mia Marta ha ormai 7 anni ed è grandissima e sembra ieri. E lo so. Lo so. Lo dicono tutte le mamme, ma è vero. Complimenti!!!