martedì 11 novembre 2008

Pensieri e tempi tosti



Ogni giorno tutti i giorni con news, giornali and so on che battono sul chiodo della imperversante ed inarrestabile crisi di questi tempi. Io qui al ristorante che, forse come altri miei colleghi vedo a fasi alterne la simil-pazzia che questi accadimenti provoca. Meno clienti ovvio per un ristorante non ancora affermato e decisamente fuori dalla portata di tutti. Da un annetto le serate in trattoria che organizzo due volte al mese hanno un buonissimo successo. I pensieri dunque si rivolgono a , Nicolino Trattoria, la quale potrebbe andar meglio del Ristorante, di sicuro per i numeri, che lieviterebbero di certo e per le spese che diminuirebbero. L'idea va e viene, si ripresenta ignorante e a muso duro quando con 6 persone in sala in un lunedi di novembre mi vien voglia di tirar quattro madonne. Ma l'essenza non cambierebbe certo, altrimenti sai i rosari.... Tutto questo discorso cosa c'entra con la foto. Beh viene da li una proposta con la P maiusola. Li dove di sicuro il piccolo Tommy crescerebbe sereno, vicino al mare, con l'aria buona e magari giocando a Rugby. Ve lo vedete un Cavallaro All Black!!!

11 commenti:

FAb ha detto...

Vengo anch'io. :)

Maurice ha detto...

Mi pare che siamo sulla stessa barca. Sono in ferie, ma dovrei buttare giù il menu dell'inverno; che fare? Metter giù tre piatti in croce pensando all'economia di guerra, o far finta di niente e proporre ancora l'abbondanza?
Aspetto ancora quindi giorni per vedere come buttano le borse e poi decido, anche se sono del partito dei pessimisti.

Maurice ha detto...

Dimenticavo, da quale parte degli States è?

Nic ha detto...

Maurice non sono gli States ma Auckland New Zealand

Anonimo ha detto...

caro nick visto che tommaso è ancora piccolo e puoi ancora prendere certe decisioni ....fallo tanto a milano lo sai meglio di me come è l andazzo

.....e poi in caso ti serve un secondo un lavapiatti o qualsiasi altra mansione fammi un fischio ;-)
andrea

chefalfio42 ha detto...

ah dimenticavo male che vada tommaso se non gioca a rugby può sempre diventare un velista
andrea 42

Anonimo ha detto...

Siamo sulla stessa barca,tutti senza nesuna differenza.Tu a Milano e io qui a Bergamo.Non ti conosco personalmente ma ci siamo già sentiti via mail.
Un consiglio spassionato: vai e non girarti indietro.
Un abbraccio
CLA

achab ha detto...

eh figa no eh.

gia' milano e' fuori mano, auckland ... come cazzo faccio?

dopo il 31 dicembre ti porto un giapponese cool e la prima di dicembre la solita combriccola di ammerigani.

l'amico di nyc

lapiccolacuoca ha detto...

Lascia Milano. Non c'e' piu' storia. tommy crescerebbe con la lingua franca inglese, milioni di posssibilita' e la marcia in piu'. Un bilingue insomma...E NZ e' ottimo posto molto cool. Capisco tutte le incazzature, la difficolta' di svendere un posto, ma davvero all'estero si vive meglio e stai bene dentro. Poi ti manchera' il prosciutto, il produttore e mille cazzi e mazzi ma sono le sfide della cucina. Prova a vedere. oppure fai la trattoria, quella di una volta. Fatta magari un po' diversa ma falla come sai fare tu: bene. 1 bacio

Anonimo ha detto...

....Bah....qui da me ho fatto la trattoria per un po': pasta e fagioli, stufato di asino, guancia brasata.....mò ne hanno aperte 2 e vai di pasta e fagioli...stufato...guancia brasata che subito dove mi approvviggionavo l'ha aumentata di 4 € al kilo!.....
...Quasi ...quasi se ti serve un aiuto Nic vengo anche io in NZ...
Fulvia locaciuca

Anonimo ha detto...

C' è sempre un ristorante da aprire in sicilia, ricordi?
Niente affitto, niente padroni (a meno che tu mi voglia considerare tale), niente cazzi, mazzi...
Una bella piccola trattoria agreste.
Orti, frutteti, oliveti...
Niente soldi, nessuna stella, niente ansie da prestazione, una ricca povertà francescana. Niente teste di cazzo che ispezionano nulla, a meno che vogliano essere cacciati dal sottoscritto a calci in culo, e cose del genere.
Finiamo con culo a terra ma almeno la facciamo da dio.
...
Pianogrillo